Tutti mi chiedono se investire in società petrolifere…. TITOLI (parte 3)

Nella  prima parte di questo post ho evidenziato come da un parte il settore delle imprese energetiche ha una dei grafici meno promettenti nel medio periodo, anche se il 14 gennaio ho segnalato come il petrolio avrebbe potuto rimbalzare per qualche settimana.  Io non credo che sia una buona idea investire nelle società petrolifere in questo momento, forse a gennaio lo era, però è utile vedere i prodotti a disposizione per essere pronti ad investire in questo settore quando tornerà il momento per farlo: cioè quando il ribasso del prezzo del petrolio sarà definitivamente terminato. Al  momento è ancora presto per capirlo.

Dopo gli ETF vediamo se e come investire tramite TITOLI

Io personalmente amo investire tramite titoli perché, secondo me, in alcuni mercati / settori, ci sono alcuni vantaggi, rispetto all’investimento tramite ETF o fondi comuni, però è anche una strada più difficile da seguire, direi che è per operatori più esperti. Per investire nel settore petrolifero tramite titoli bisogna conoscere bene il settore e le correlazioni tra i titoli che compongono il settore. Per investire in titoli azionari,  è necessario comunque diversificare tra diversi titoli del settore, e questo è possibile per chi ha un patrimonio di una certa consistenza. Per patrimoni più piccoli investire tramite fondi o ETF spesso è una via obbligata.

Se decido di consigliare un certo settore azionario ad un mio cliente, difficilmente consiglierò un solo titolo del settore: consiglierò due o tre titoli importanti contenuti nell’indice dove intendo investire. Ad esempio, se decido che voglio consigliare società petrolifere europee, prima decido quale indice consigliare, come ho illustrato nel POST precedente sugli ETF, e una volta deciso questo, se decido che voglio consigliare titoli, sceglierò alcuni titoli che fanno parte dell’indice scelto, magari scegliendo i titoli con bilanci e grafici migliori.  In questo esempio delle società petrolifere, parliamo di indici che contengono molte imprese multinazionali quotati sui mercati più importanti, e dunque facili da comprare. Se stessimo parlando di investire nella borsa di un paese emergente non prenderei nemmeno in considerazione l’idea di investire in titoli. Per mercati esotici e più “opachi” come molti mercati emergenti, io tendo ad usare addirittura fondi a gestione attiva. Dipende dal tipo di investimento. In alcuni casi preferisco investire tramite titoli, in altri casi questo non è possibile.

I vantaggi ad investire in titoli invece che in Etf o fondi sono tre secondo me. Prima di tutto, compro i titoli che considero migliori e non devo investire anche in titoli meno buoni come succede quando si investe in un indice. E’ anche vero che investire in singoli titoli comporta rischi non adatti per chi ha un portafoglio molto piccolo: le singole aziende possono fallire, mentre gli indici possono perdere molto, però difficilmente vanno a zero perché ci vorrebbe un evento catastrofico di sistema per far fallire molte imprese in un indice insieme.

Poi in Italia c’è un vantaggio fiscale importante secondo me: i guadagni derivanti da variazioni di prezzo sono plusvalenze compensabili con eventuali minusvalenze passate; mentre Invece le variazioni di prezzo positive degli ETF  sono considerate guadagni da capitale non compensabili con minusvalenze passate. Perciò in alcuni casi diventa un fattore importante nella gestione del portafoglio.

L’ultimo vantaggio è che spesso  (non sempre) è che spesso i titoli azionari delle principali società quotate in borsa sono molto più scambiati, cioè sono molto più liquidi, rispetto ad alcune ETF che investono nello stesso settore. Questo rende le operazioni di compravendite molto più semplici e convenienti per investimenti di un certo importo. Conviene sempre guardare il book dello strumento in questione (Etf o titolo che sia) e verificare che lo strumento sia liquido prima di comprare, altrimenti al momento di vendere ci possono essere difficoltà.

 

Ida Pagnottella, consulente finanziario indipendente a Milano, Pescara e Rimini 

www.idapagnottella.it

info@idapagnottella.it

CONSULENZA GENERICA IN MATERIA INVESTIMENTI – DISCLAIMER / AVVERTENZE: I commenti presentati da  IDA ISABELLA PAGNOTTELLA  , consulente finanziario indipendente, nel presente documento sono da considerare come consulenza generica e non come consulenza personalizzata, si invita sempre a rivolgersi al proprio financial advisor o consulente finanziario per valutare se gli strumenti citati sono adeguati ai propri obiettivi di investimento e propensione al rischio, prima di investire in qualsiasi strumento menzionato nei file audio. La Dott.ssa IDA ISABELLA PAGNOTTELLA , consulente finanziario indipendente, non garantisce alcuno specifico risultato conseguente ai commenti contenuti nei blog e non assume alcuna responsabilità in ordine all’esito delle operazioni eventualmente effettuati  in base al presente commento

 

Scritto in: Non fate passa parola Tags: 
Copyright © 1999-2014 Gruppo HTML - P.IVA 05985341006
Home | Pubblica il tuo blog | Elenco blog affiliati | Disclaimer | rss RSS Feed